Pane di segale integrale a lievitazione naturale

IMG_003-1

Buon lunedì a tutti. Come è andato il fine settimana? io sono reduce da una domenica piuttosto intensa. La mattina mezza maratona, e poi via fare la torta di compleanno. Tanto per complicarsi la vita mi è venuta voglia di provare a fare una torta a scacchi, senza avere lo stampo apposito per fare i cerchi con i due impasti. Lavoraccio!! non ho ovviamente visto come è venuta, ma spero che sia presentabile.
Prossimamente su questi schermi. Stay tuned 😉

Ma veniamo a noi. In questo periodo sono in fase segale. Non è la prima volta che faccio del pane con la farina di segale. La volta scorsa avevo usato in parte segale e in parte farina di forza e avevo anche fatto una lievitazione mista, quindi in parte livoli ma con un pizzico di lievito di birra. Questa volta invece mi sono lanciata, solo segale integrale e licoli. E un po’ di semi di lino.

Immagine1

La farina di segale non è molto proteica, quindi non aspettatevi un pane sofficissimo e super alveolato. Il risultato è un pane compatto e umido, dal sapore intenso ed aromatico. Io lo trovo perfetto spalmato con del formaggio cremoso e con sopra una fettina di salmone affumicato, oppure per la colazione burro salato e confettura di lamponi. Divino.

5.0 from 2 reviews
Pane di segale integrale a lievitazione naturale
 
Prep
Cottura
tempo totale
 
Una pagnotta profumata e dal sapore intenso. Perfetta per la colazione o abbinata a miele e formaggi
Autore:
Recipe type: Pane
Ingredienti
  • 500 g di farina di segale integrale
  • 200 g di licoli rinfrescato due volte
  • 250 g di acqua
  • 1 cucchiaino di malto d’orzo
  • 1 cucchiaio si semi di lino
  • 1 cucchiaino di sale
Preparazione
  1. Per impastare ho utilizzato la planetaria, ma si può fare benissimo anche a mano visto che non è estremamente idratato.
  2. Mescolate il licoli al malto d'orzo e a 100 g di farina e fate riposare una decina di minuti.
  3. Mettere questo impasto nella ciotola, poi unite la restante farina e l'acqua un po' per volta. Impastate fino a che l'acqua non è stata ben assorbita dall'impasto. Per ultimo unite il sale e i semi di lino.
  4. Formate una palla, e fate lievitare nella ciotola coperta con pellicola fino al raddoppio. Per me circa 5 ore.
  5. A questo punto prendete l'impasto e sgonfiatelo. Su una spianatoia rimpastatelo velocemente. Allungatelo a formare a rettangolo in modo da fare delle pieghe a libro. Nel caso l'impasto fosse tenace aiutatevi con un mattarello.
  6. Fate tre giri di pieghe a libro, poi stendere a formare un rettangolo e formate un rotolo serrando bene. Io ho inciso a formare una spiga sopra. Fate lievitare fino al raddoppio (per me 4 ore) coperto con un canovaccio umido. Io l'ho messo nel forno con la luce accesa.
  7. Riscaldare il forno a 220°, inserire una teglia con dell’acqua tiepida e mettere a cuocere il pane. Dopo 15 minuti togliere la teglia con l’acqua, chiudere il forno, attendere che si spenga la spia di riscaldamento e abbassare a 200°. Cuocere per altri 15 minuti.
  8. Rigirate la pagnotta e fate cuocere per al 10 minuti. Battendo sul fondo deve suonare come se fosse vuoto.
  9. Fate raffreddare bene prima di tagliare

IMG_004-1

Con questa ricetta partecipo a Panissimo#38, la raccolta di lievitati dolci e salati ideata da Sandra di Sono io, Sandra,  e Barbara, Bread & Companaticoquesto mese ospitata nel blog Un Condominio in cucina

banner-c.scritta-crema-768x768

Comments

  1. says

    ecco, mi ci vorrebbe un pane così, sano e integrale, per rimediare un po’ agli stravizi del weekend 😉
    buon inizio settimana cara 🙂

  2. says

    Ma che spettacolo! La segale la conosco, si usa tanto anche a casa nostra e questo pane potrebbe essere sperimentato proprio questo week end dato che ne ho tantissima da smaltire 😉
    Il nostro week end è stato carnevalesco in tutti i sensi: dai costumi al mangiare. Ci è piaciuto un bel po’ ^^

    • Elena Gnani says

      Che bello, sono contenta che vi siate divertiti insieme alle bimbe. Io mi godrò un carnevale posticipato con le nipotine il prossimo weekend. E non vedo l’ora

  3. says

    Ciao Elena!!!
    Che coincidenza! Anche io in questo periodo sono in “fase segale”! :-)))))))
    La trovo davvero meravigliosa, soprattutto nel pane, tant’è che proprio per il Panissimo di questo mese ho scelto di condividere una ricetta che la contenesse! ;-))

    Ottimo il tuo suggerimento di gustarlo insieme ad un formaggio morbido e del salmone, oppure con la marmellata di lamponi! Sappi che mi sto leccando i baffi!
    Grazie per averci regalato questo bellissimo pane portandolo anche in Condominio per la raccolta di questo mese!
    Un caro saluto e l’augurio di una giornata bella e piena di sorrisi! :-)))))))))))
    A presto!

  4. says

    Bellissimo tesoro cos’altro aggiungere!!Resto sempre affascinata da chi riesce a creare del pane e realizzarlo oltre che alla perfezione anche profumato ed invitante ed il tuo ha tutta l’aria di esserlo è davvero un un incanto!!UIn bacioneeeeee,Imma

    • Elena Gnani says

      Grazie Imma, il pane mi pace così tanto che non resisto dalla voglia di mettere le mani n pasta quando riesco

  5. says

    Il pane di segale a me piace tanto! Perchè “robusto” e corposo, ha un suo bel carattere, mi dà idea di solidità, ecco, come se sapesse reggere bene, in modo sicuro, il cibo che ci si adagia sopra! E dato che suggerisci giustamente di gustarlo con il salmone, ho io la panna acida e l’aneto e a questo punto ti raggiungo con una coppetta in mano e un bel coltello, pronta per spalmare! 🙂

  6. says

    Ultimamente uso spesso la farina di segale anche io, per ora sempre in mix con altre farine ma alla prossima vado in purezza!!! Bellissimo questo pane, brava, poi gli abbinamenti che proponi sono davvero perfetti!!
    Buona settimana cara!!!

    • Elena Gnani says

      Alla fine in purezza è un’altra cosa. Magari un po’ compatto ma assomiglia molto di più ai pani nordici

  7. says

    Non vedo l’ora di gustarmi la torta..sono sicura che sarà meravigliosa 🙂
    Anch’io sono in fase di “segale”..sono certa che la mia ricetta di domani ti farà impazzire 😛
    Buon inizio settimana e con il profumo di questo pane lo sarà sicuramente <3

  8. says

    Un pane sano e gustoso, non c’è che dire. Quando voglio “depurarmi” anche io uso la segale. Fa da spazzino per il nostro intestino. Brava Elena. Il mio fine settimana già hai letto com’è trascorso. Ora aspetto la torta, che sono certa sarà venuta benissimo, perché fatta con amore

  9. says

    Anch’io ho la mania del pane di segale, ma mi rimane, appunto, sempre un po’ umidino, in pratica non capisco se è cotto o meno… puoi spiegarmi cosa utilizzi per incidere così a fondo l’impasto? Usando il coltello, le mie incisioni si riassorbono in lievitazione e scompaiono…
    (NB: gli hamburger erano di bovino, credo)

  10. says

    Mi piace molto il tuo pane di segale! è bello da vedere e immagino proprio che il sapore sia ottimo! magari non è un pane alveolato ma ha una consistenza che a me piace molto! guarda te ne ruberei una fettina anche senza niente! buona settimana Elena!

    • Elena Gnani says

      Grazie Silvia, si il pane di segale non ha una grande alveolatura tipo ciabatta. Sono proprio due tipi diversi di struttura ma a me piace davvero molto

  11. says

    L’ho detto e lo ripeto ho un ammirazione grande per chi fa il pane o comunque si interessa dei lievitati. Sono cresciuta in un periodo che la lotta giornaliere consisteva nel mettere assieme pranzo e cena e quindi nessun imput per la cucina. Poi per la famiglia si ma il normale con quel sfiziosetto alla domenica per il resto una corsa nel tempo e si lavorava anche di sabato. Certo ora si lavora anche di domenica ma l’ottica di quel periodo era riuscire a finire con sabato mattinata…altri tempi. Buonissimo questo pane ma ormai a parte che dovrei imparare ma anche per chi, siamo in due e mangiamo forse una michetta al giorno in due 🙁
    Buona giornata un abbraccio.

    • Elena Gnani says

      Anche noi siamo in due, ma mangiamo un sacco di pane. Io poi lo adoro, non potrei mai pasteggiare senza due belle fette di pane. Sono la mia droga 🙂

  12. says

    Ciao Elena,dalle foto bellissime e dalla tua descrizione il profumo intenso è arrivato fino a me…mi verrebbe voglia di spalmarci la marmellata
    di amarene e mangiarne due belle fette ?
    Ti abbraccio ?

    • Elena Gnani says

      Purtroppo è già sparito. In casa nostra il pane scompare velocemente 🙂 però posso rifarlo, mi piace tanto impastare

  13. says

    la farina di segale regala a questa magnifica pagnotta un sapore intenso che amo particolarmente, Complimenti che ti è venuto una meraviglia e le foto sono bellissime!
    baci
    Alice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: