Pinza bolognese alle amarene

vert

Rieccomiiiiii. Buon Annooooooo. Come avete passato le vacanze?
Io ho fatto una full immersion con le nipotine. Purtroppo abitando lontano non riesco a vederle tanto spesso e per non vedo l’ora che arrivino le feste per poter stare un po’ con loro. Ovviamente ci siamo divertite da matti, otto giorni insieme che purtroppo sono volati via troppo velocemente.

Oltre a giochi, letture, salti e corse abbiamo anche pasticciato parecchio in cucina. La piccola preferisce il salato mentre la grande è supergolosa, e mentre stavamo preparando una torta mi fa “sai zia, tu sei la custode delle torte” 🙂

IMG_012

Oggi vi propongo un dolce che io adoro, forse il mio dolce preferito. Quindi ho pensato che non potesse proprio mancare sul portale di Ifood.
E’ un dolce tipico bolognese, una specie di crostata arrotolata e farcita con una confettura di mele cotogne che qui viene chiamata mostarda, una marmellata di mele cotogne piuttosto densa e un po’ acidula. Se non la trovate vi consiglio quella di prugne.

Io ne ho elaborato una mia versione in cui si uniscono amarene leggermente schiacciate alla mostarda. Divina 😉
E’ un dolce rustico e leggero visto che la dose di burro è molto limitata che si sposa perfettamente con un buon thè caldo o perchè no un bicchiere di vino rosso a fine pasto.

Potete trovare la ricetta e le foto dei passaggi sul portale di Ifood.
E ora vi saluto e vi auguro un buon fine settimana.

IMG_014

Comments

    • Elena Gnani says

      Io a Bologna compro sempre la Mostarda Cavazza, ma ho visto che fuori non si trova. Un’alternativa valida è la mostarda della linea “le conserve della nonna”

  1. says

    Hai fatto benissimo custode delle torte!Adoro le tue nipotine,ma la piccola beh e’ uno spasso,mi ricorda qualcuno!?Vado a gustarmi il tuo dolcino su quel portale meravigliosooooo

  2. says

    Questa prima o poi, finirà anche nel mio pancino 🙂 E’ proprio un dolce nelle mie corde ma non ho ancora avuto occasione di farlo. Ora me lo salvo. Bentornata tesoro. Immagino quanto ti sia divertita con le nipotine; i bambini sono la gioia del mondo, lo vedo anche io con il mio Christian. Ti rubo la ricetta e ti mando un abbraccio

  3. says

    adoro le amarene, mi ricordano molto la mia infanzia…. tutto ciò che comtempla l’ amarena è per me coccola pura 🙂 Un abbraccio cara, buon 2016!

  4. says

    hai fatto bene a trascorrere le vacanze con le tue nipoti, io le ho passate dedicandole interamente ai miei figli!!!!Delizioso questo dolce, cara “custode delle torte”!!!Baci Sabry

  5. says

    Ciao cara ,graxie del commento e della tua vicinanza.
    Che bello avere bambini in casa, ci si stancabum pó ma é sempre un piacere. Come faceva piacere al mio papà quando andavamo li ad agosto. Era sempre uma festa. Goditi tutti questi bei momenti si vive una volta sola. Al diavolo tutto il resto. Ti faccio anche a te un augurio speciale di buon anno.
    Mangio volentieri il tuo dolce altrettando buonissimo.
    Un giorno lo faró anch’io. Baci<3<3

  6. says

    Cara Elena, che dolce irresistibile! Sono proprio curiosa di provarlo, è molto bello esteticamente e particolare, oltre che indubbiamente buonissimo!
    Ti auguro un anno meraviglioso, un grosso abbraccio, Annalisa

  7. says

    Bravissima Elena, deve essere di una bontà unica e poi io amo le amarene!! Un grande abbraccio, buona ripresa e soprattutto tanti auguri per un anno felice e sereno! <3 :**

  8. says

    mmmm….deve essere ottima, mai mangiata, peraltro avevo letto pizza e mi chiedevo che c’entrassero le amarene…un bel dolcetto ci vuole con questo freddo, a milano si gela! bello il natale con i bimbi, ha tutto un altro sapore, buon week end!

  9. says

    Vistaaaa! Bè di questi dolci anche io non mi stanco mai. Sono le torte da credenza che vanno bene sia a colazione che a merenda, che a fine pasto… Buonissima 🙂 mi piace un sacco anche la mostarda bolognese che in pochi conoscono.
    Un bacio Elena :*

    • Elena Gnani says

      a chi lo dici. Io me ne sono innamorata appena l’ho assaggiata qua a Bologna. Io non la conoscevo proprio, a forlì non si trova

  10. Helga says

    questa pinza mi rammento che nella dispensa ho ancora un vasetto di mostarda, comprata proprio per questa ricetta ma si può? Sono veramente svampita! E avendo visto le foto su FB riconfermo la mia svampitaggine, perchè ero convinta di avere pure commentato, che amica! Sono proprio ben ridotta! Per farla breve Pinza Bellissima e foto pure! Complimenti!

  11. says

    Ritorno dopo una lunga assenza a trovarti, ma il tempo è sempre tiranno. Auguri per questo nuovo anno, che possa portarti ciò che desideri. Fantastiche le tue nipotine, è bello trascorrere le feste con i piccoli, ti danno molta più grinta. Io non conosco la pinza, ma di sicuro sarà molto golosa. Un abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *